Ballo da Sala - Liscio

Quasi vent'anni fa,…e mi sembra ieri!, ho assistito con alcuni amici ad una prestigiosa gara di ballo internazionale, l’ Alassio Open. E quel mondo meraviglioso ed emozionante di note e armonie struggenti, di fruscii di abiti che volteggiavano ad un passo dal mio naso, di eleganti cavalieri, di ticchettio di scarpe sul parquet, mi ha avvolto e conquistato a tal punto che solo a gara terminata, uscita da quel palazzetto, ho realizzato che per tutto il tempo della manifestazione, avevo lasciato fuori tutti i piccoli e grandi pensieri della vita quotidiana che di solito ci affollano, e qualche volta ci assillano, la mente!!

Così è iniziato il mio percorso di studi di Danza, di Liscio, di Ballo da Sala e di Danze Standard. Il primo passo? … quello di iscrivermi al corso principianti presso una piccola scuola di ballo di provincia dove ho imparato ad ascoltare e poi, a distinguere tra loro, le varie melodie

Il Liscio Tradizionale con la Mazurca, la Polka e il Valzer Brillante, sono i balli delle nostre origini, sono i balli dei nostri genitori e dei nostri nonni, quelli che danzavano nei momenti di svago o in occasione di certe ricorrenze. Altri balli invece ci riportano a momenti importanti della nostra storia
Il Valzer è considerato il ”re delle danze”. Ha acquisito particolari caratteristiche nazionali in diversi paesi. Così è apparso il Valzer Lento o Inglese, il Valzer Ungherese e il Valzer-Mazurka. Valzer deriva dalla vecchia parola tedesca “Walzen” che significa “girare”o “ planare”.

Il Valzer Viennese veniva ballato dai Reali nei loro sontuosi palazzi, fluido e scorrevole, con alternanza di volteggi a destra e a sinistra. Il Tango si ballava tra immigrati, nelle fumose milonghe della Boca di Buenos Aires, con la sua tipica azione di stop and drive, ossia movimenti aerobici e anaerobici, carichi di sensualità e carattere.
Il Quick Step è nato in in America negli anni '20 come evoluzione del Foxtrot in 4/4 con passi regolari e sincopati in un ritmo vivace proveniente da un' epoca nella quale regnava il jazz che gli ha donato musiche e ritmi.
Lo Slow Fox, trae le sue origini dal Ragtime e comincia a diffondersi negli Stati Uniti all'inizio del secolo XIX. Giunge in Inghilterra nel 1915.Sul finire della Prima Guerra Mondiale viene codificato nella variante tutt'oggi in uso nella categoria Ballo da Sala. E' la versione lenta del Fox-trot, viene suonato attorno alle 28-30 battute al minuto, in quattro tempi cioè a quattro battiti per ogni battuta musicale. Danzati in Inghilterra negli esclusivi club londinesi, con eleganza, morbidezza e sinuosità, era prima di tutto un’occasione per ritrovarsi e poter socializzare.

Luisella Frumento e Fabrizio Pani


Insegnanti di ballo Liscio a Savona: Luisella Frumento e Fabrizio Pani

Arriviamo da percorsi molto differenti e ci siamo incontrati quasi per caso. Ci accomuna la forte passione per la danza che, unita alla determinazione, all’impegno, alla forza di volontà e al coraggio di sfidare i propri limiti, ci ha fatto assaporare il piacere che solo la danza può dare e arricchito le nostre vite di un senso di soddisfazione impagabile.
Nel 2016 abbiamo ottenuto la Medaglia di Bronzo al Campionato Italiano di Danze Standard e nel 2017 e 2018, quella d’Argento. Il momento più importante della nostra carriera agonistica risale a Novembre 2017 quando abbiamo ricevuto la notizia che potevamo partecipare ad una competizione internazionale a Bratislava, in Slovacchia, dove abbiamo conseguito un meraviglioso secondo posto. Ricordo ancora l’emozione che ho provato quando per mano abbiamo varcato il maestoso portone del palazzo dove si svolgeva la gara, l’odore acre e persistente di legno laccato che ti entra dalle narici e ti ricorda le vecchie e nobili residenze dell’800. L’orchestra inizia a suonare, la musica si leva nell’aria e noi ci lasciamo andare liberi e leggeri!!!! e ti senti felice!!



Luisella Frumento e Fabrizio Pani durante un'esibizione di Ballo Liscio

ORARI CORSI


Standard: Lunedì 21.30 - 23.00 | Martedì 21.30 - 23.00


Perchè ballarli?

Nessuna arte, più della danza, libera dalla pesantezza attraverso la piena espressione di cuore e mente. La danza regala la libertà più grande che possa esistere: potersi mostrare per ciò che si è!